CHALLENGER BIKING CUP 2019

Leggi l'articolo completo su eurosport.it

Indurain e Challenger: la rivoluzione del ciclismo nel mondo degli smartphone

 

Challenger è un progetto d’aggregazione che grazie al GPS permette sì di calcolare i dati in tempo reale, ma anche di connettere i ciclisti che vogliono pedalare insieme, anche solo virtualmente. A Forlì si è tenuta la prima edizione della Challenger Biking Cup per pedalare con Indurain, in un progetto volto ad aiutare il Dynamo Camp, per i bambini gravemente malati.

In un mondo ciclistico, che va sempre di più verso il digitale, con le prestazioni degli atleti che si fondano sul dettaglio, anche l’uso della bicicletta può diventare il più tecnologico possibile. La bici infatti, è il mezzo di trasporto per eccellenza, classico, semplice e adatto a tutti e tendenzialmente a tutte le tasche. Nel 2019 però, anche il ciclismo si aggiorna e si sviluppa nell’era del 2.0.

 

Challenger: la rivoluzione del ciclismo a portata di smartphone

" Due anni fa mi è venuta l’idea di analizzare le performance, per migliorarle e per rendere più tecnologico l’uso della bicicletta. L’idea è quella di poter rilevare dal GPS, ossia dai satelliti che si muovono a circa 30km sopra la testa del corridore, tutti i dati che possono essere interessanti per la performance. Tutto questo funziona nella stessa maniera di Google Maps, ossia una funzione avanzata dei navigatori, E per di più, è gratis"

Chi parla è il Deus Ex Machina di Challenger, Marco Brighi, ingegnere forlivese che ha studiato alla Columbia University di New York, impegnato da 10 anni nel settore dell’automazione e dei software.

 

Sviluppare un’applicazione che possa avere il massimo risultato in un ambiente outdoor, pretende che essa stessa nelle fasi beta, venga testata outdoor. Sviluppare un’applicazione adatta a tutti, pretende di essere testata dai migliori, come una sorta di “esasperazione”, per conoscere gli eventuali bug dell’app stessa.

 

Così entrano in gioco Fausto Masnada, professionista dell’Androni Sidermec e Miguel Indurain che durante la Challenger Biking Cup ha avuto modo di testare Challenger.

LANCIO UFFICIALE CHALLENGER INDOOR, ROSA GRAND MILANO, 10.02.2020